Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Main
Official RideUp RideUp

Global Circomassimo 2 LGCTParla francese il secondo Gran Premio del Longines Global Champions Tour di Roma. In sella al suo Vangog du Mas Garnier, Olivier Robert si è laureato nuovo re al Circo Massimo grazie alla vittoria ottenuta con 0/0-40.62 al termine un combattuto barrage tra 5 binomi. Sul podio, insieme al cavaliere transalpino, la svedese vincitrice del Gran Premio di sabato scorso, Malin Baryard-Johnsson su H&M Indiana (0/0-41.32) e l’elvetico Bryan Balsiger con Twentytwo des Biches (0/0-42.27). Si infiamma la lotta al vertice per il titolo individuale del circuito, con un cambio in vetta alla classifica che vede ora in testa a pari punti (228) lo stesso Robert insieme al britannico Ben Maher

 

Scivola in terza posizione (222) l'australiana Edwina Tops-Alexander, prima in classifica alla vigilia della doppia tappa del concorso capitolino. Unica azzurra nella top 10 del Gran Premio, l'amazzone Giulia Martinengo Marquet, settima con 4/77.43. 

 

SUONA LA MARSIGLIESE - Suona la Marsigliese al Circo Massimo. Olivier Robert chiude primo tra i cinque atleti qualificati al barrage. Il cavaliere transalpino, primo classificato allo scorso Grand Prix CSI5* di Madrid, manda in visibilio il pubblico capitolino completando il percorso senza errori in 40.62 in sella al suo stallone grigio Vangog du Mas Garnier. Seconda posizione per Malin Baryard-Johnsson: la quarantacinquenne amazzone svedese, oro a squadre a Tokyo 2020 e vincitrice del Grand Prix romano della scorsa settimana, per un soffio non riesce a replicare l’impresa sulla baia belga H&M Indiana, chiudendo con un ottimo 41.32 e nessuna penalità. È Bryan Balsiger a prendersi il terzo posto, in sella al sauro Twentytwo des Biches: il ventiquattrenne svizzero, oro a squadre agli scorsi Europei, ferma il cronometro sul 42.27, anche lui con un clear round che gli vale la qualificazione ai Playoff di Praga. Maikel van der Vleuten (bronzo nel salto individuale a Tokyo 2020 e argento a squadre a Londra 2012) si piazza quarto con il suo compagno di gara Beauville Z (0/42.55). Quinto posto per il britannico Ben Maher: la medaglia d’oro individuale degli scorsi Giochi olimpici commette un errore (4/43.06) durante il percorso compiuto con la baia olandese Ginger-Blue. Prima tra gli azzurri Giulia Martinengo Marquet (4/77.43) che in sella a Elzas chiude al settimo posto. Il percorso particolarmente impegnativo ha messo in difficoltà anche la due volte campionessa del Global Champions Tour, Edwina Tops-Alexander (5/82.47), fermata prima del jump off con Fellow Castlefield.

 

BALZO IN VETTA - Con la vittoria nel secondo Gran Premio di Roma, Olivier Robert vola in vetta alla classifica del circuito a quota 228 punti in condominio con il britannico Ben Maher. Ma il transalpino, già proiettato ai Super Playoff di Praga, ha annunciato che salvo ripensamenti rinuncerà alla doppia tappa finale in Slovacchia.

 

(Nella foto © LGCT: una panoramica del campo realizzato al Circo Massimo)

Media Partner Cavallo Magazine  Equestrian Time
Supporter
Charity Terzo Pilastro

Supplier Gold Span My Horse Logo BATTISTONI