Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Main
Official RideUp RideUp

generica salto WEG GrassoDue intense manche hanno assegnato a Le Mans le medaglie individuali nel Campionato Europeo Ambassador.

Dopo l’argento a squadre di venerdì, anche oggi gli azzurri al via sono stati tra i protagonisti pur non riuscendo a salire sul podio.

 

Impeccabili, con due percorsi netti a testa, sono state Gioia Cremonese con FBW Casaraki e Simona Donolato con Gracchus DM che hanno chiuso al quinto e al sesto posto rispettivamente con 4.65 e 4.70 penalità recuperando così una posizione rispetto alla graduatoria provvisoria prima della finale.

 

Vista la classifica del Campionato, lo sfortunato errore nella seconda manche della gara a squadre ha impedito a Gioia Cremonese di salire sul gradino più alto del podio.

Lo stesso per Simona Donolato che ha ‘pagato’ in termini di punteggio l’errore nella categoria di caccia d’apertura.


Per entrambe il Campionato di Le Mans è però un ricordo da incorniciare.

 

Non è invece riuscita a ripetersi Susanna Violanti che con Dijon si era presentata in finale in seconda posizione. Due errori, uno per manche, hanno infatti relegato l’azzurra già Campionessa Europea Ambassador nel 2016, in nona posizione con 9.44 penalità complessive.

 

Un errore, infine, per Daniele Beghini con Legolos e un totale di 11.65 penalità che vale l’undicesimo posto.

 

Malgrado la piccola delusione di oggi, il Campionato Europeo Ambassador di Le Mans si chiude con il segno più per tutto il Team Italia composto anche da Marcello Carraro in gara con Equiano, dal Capo Equipe Marco Carlo Montorsi e dal Tecnico, il 1° maresciallo Stefano Nogara.

 

Sul podio individuale sono salite la francese Anne Sophie Vancrayelinghe, oro con Printemps du Saussy (1.02 penalità), la britannica Helen Rees argento con Bart VI (3.19) e il tedesco Udo Kloetzel bronzo con Sleeta (3.33).

 

Per l'Italia la giornata si è infine conclusa con il secondo posto di Gabriella Bastelli in sella a Stuard nella graduatoria finale complessiva del CSIV-B valida come Campionato AJA (International Association of Jumping Riding Ambassadors) che si è svolto in concomitanza al Campionato Europeo.

 

 

Clicca QUI per la classifica finale individuale

 

 

Media Partner Cavallo Magazine  Equestrian Time
Supporter
Charity Terzo Pilastro

Supplier Gold Span My Horse Logo BATTISTONI