Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Main
Official

Gaudiano chalou verona grassiaL’Italia del salto ostacoli può iniziare a pensare seriamente a Tokyo 2020

 

Chiusura di stagione all’insegna dei grandi traguardi quella del carabiniere scelto Emanuele Gaudiano che oggi, lunedì 30 dicembre, si è classificato quinto nel Gran Premio di Mechelen nono appuntamento della FEI World Cup™ 2019/2020.

 

Con questo piazzamento, ottenuto in sella al fidato Chalou, l’azzurro ha riguadagnato la terza posizione nel ranking del girone Europa occidentale con un totale di 55 punti, stesso punteggio dello Svizzero Steve Guerdat, secondo e del belga Pieter Devos, leader della classifica provvisoria, ipotecando così un posto per la finalissima di Las Vegas del prossimo aprile.

 

Il 2019 si chiude quindi nel migliore del modi per Guadiano che con le sue performance ha permesso al salto ostacoli azzurro di mettere nel mirino le prossime Olimpiadi di Tokyo 2020. Si aspetta, infatti, solo l’ufficialità da parte della FEI, ma è praticamente certo che il lasciapassare individuale a ‘Cinque Cerchi’ spetti all’Italia.

 

Anche oggi Emanuele Gaudiano e Chalou sono stati i protagonisti di una gara intensa. Un errore in barrage ha però negato la soddisfazione della vittoria al nostro binomio capace di far registrare il miglior tempo tra i dodici concorrenti ammessi al barrage. Solo in quattro hanno chiuso con un doppio percorso netto il Gran Premio. Tra questi il tedesco Daniel Deusser vincitore con Killer Queen VDM (0/0; 41.37) davanti allo svizzero Pius Schwizer, secondo con Cortney Cox (0/0; 44.02) e al belga Wilm Vermeir, terzo con IQ van het Steentje (0/0; 45.16).

Alla gara ha preso parte anche il 1° aviere Lorenzo De Luca con Dinky Toy vd Kranenburg (4 penalità al percorso base; 15° posto).

 

Nella altre categorie del concorso belga è suonato anche l’Inno di Mameli grazie al tenente Eugenio Grimaldi che sabato 28 dicembre ha firmato una categoria a tempo da 140 con Scara Mouche.

Sempre  a Mechelen, infine, nel Gran Premio del CSI2* quinto posto per Filippo Tabarini che ha chiuso la prova con un doppio netto in sella ad Exquise du Pachis.

 

 

Clicca qui per la classifica del Gran Premio

 

Clicca qui per il ranking del girone Europa Occidentale di Coppa del Mondo

 

 

 

Nelle foto Emanuele Gaudiano e Chalou © FISE/M.Grassia

Supporter

Charity

Supplier