Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Main
Official RideUp RideUp

Uno sguardo al futuro

La dimostrazione che il cavallo riconosce le persone con traumi mentali è vicina

 

Intorno agli anni '90 un gruppo di ricercatori dell'Università di Parma durante un esperimento sulle scimmie scoprì i così detti “neuroni specchio”, la base neurobiologica dell’empatia. Nel 2000 un gruppo di ricercatori (per es. Hunterb et al. 2000) iniziò a valutare l’empatia interspecifica tra l’uomo e gli animali. La FISE già nel 2005 ha iniziato a occuparsi dell’argomento e nel 2009, durante la visita di alcune scolaresche alla Fieracavalli di Verona, si era interessata all’argomento ed aveva dimostrato che bambini tra gli 11 ed i 12 anni, anche se mai stati a contatto con gli equidi, erano in grado di percepirne le emozioni (Tralli e colleghi, 2009). Nel 2014 Dalla Costa e colleghi, dell’Università di Milano, hanno codificato l’interpretazione delle espressioni facciali del cavallo (PlosOne 2014) e lo scorso anno Smith e colleghi hanno dimostrato che anche i cavalli sanno ben distinguere le espressioni emotive del volto degli uomini. E’ quindi con piacere che apprendiamo che in questi mesi è stato pubblicato un primo resoconto degli esperimenti condotti dalla Dottoressa Katrina Merkies (University of Guelph) improntati a capire se i cavalli siano in grado di percepire traumi psicologici di diversa natura vissuti dagli esseri umani, come ad esempio i disturbi causati da stress post traumatico (PTSD: Post Traumatic Stress Disorder). Il suddetto studio ha voluto trovare una risposta allo specifico quesito: possono i cavalli distinguere una persona “normale” da una persona traumatizzata o in stato di shock?

 

Nella pratica sono state analizzate le interazioni uomo-cavallo dal punto di vista degli animali, alternando 8 persone all’interno di un tondino con i diversi equidi a loro assegnati in modo casuale. Di queste 8 persone, 4 non soffrivano di disturbi o traumi ma erano state istruite a muoversi come le altre 4 persone che invece soffrivano di PTSD. Nell’ambito di questi due gruppi (di 4 persone ciascuno) 2 erano esperti di cavalli e 2 no, così da essere equamente distribuiti. Per gli scopi della ricerca, di ogni cavallo sono stati analizzati i seguenti parametri: salivazione, battito cardiaco, movimenti del corpo, la posizione di testa e orecchie e suoni e vocalizzazioni emesse. Si voleva infatti scoprire se i cavalli avessero risposto in maniera differente a seconda del diverso vissuto delle persone.

 

In presenza di un qualsiasi umano, rispetto al comportamento valutato quando erano da soli, i cavalli hanno tutti mostrato movimenti più lenti, riduzione delle vocalizzazioni, della masticazione a vuoto, della frequenza cardiaca e la testa era portata più basso. Tuttavia quest’ultima, in presenza delle persone traumatizzate (esperte o non esperte) era sempre posizionata un poco più in alto rispetto a quando erano con le persone non traumatizzate. Inoltre, quando tra le persone esperte di cavalli vi erano le traumatizzate (PTSD), i cavalli si avvicinavano più rapidamente, orientando le loro orecchie e stando loro più vicini. Viceversa, quando erano in presenza di persone inesperte i soggetti hanno mostrato un abbassamento della frequenza cardiaca, anche se gli umani mostravano un aumento della loro frequenza. Quest’ultimo dato lascerebbe intendere che i cavalli siano più attenti verso chi ha maggiore esperienza nel lavorare con loro, ma che però siano più rilassati se e quando insieme a persone più inesperte.

 

Anche se questa ricerca presenta un evidente limite dato dai pochi soggetti analizzati in ciascuna categoria (4 esperti, 2 con PTSD e 2 senza traumi, contro 4 non esperti, di cui 2 con PTSD e 2 senza traumi), ha il pregio di indicare una strada che appare essere fondamentale, non solo nelle Attività Assistite in ambito Equestre, ma in tutta la relazione uomo-cavallo: avere coscienza che il cavallo riconosce le emozioni umane. Ma del resto già gli studi sul cavallo “clever” Hans ce lo fecero sperare (si veda per es. P. Baragli e M. Pagliai 2017).

 

Inoltre possiamo dire con orgoglio che sempre di più ci si avvicina a comprovare in modo inequivocabile l’efficacia e l’importanza della “Pet-Therapy”. Questo anche perché forse l’uomo ha sempre più bisogno di un qualcuno –il cavallo nel nostro caso- che, al di là delle circostanze, non finga, non menta e che nel suo essere semplicemente “vero” possa rappresentare “il suo specchio”. Non solo un modo per capirsi, ma - ed è qui dimostrato - per essere compreso e “accettato” (i cavalli stavano più vicini alle persone affette da PTSD), andando oltre le dissimulazioni che i soggetti hanno adottato per comportarsi come le persone affette da PTSD.

 

 

Gli animali non mentono; e con loro è ancora più difficile riuscire a dissimulare. Per fortuna.

 

Dott.ssa Sofia De Simone

Dr. Gianluigi Giovagnoli

Dipartimenti Veterinario e Tutela del Cavallo  F.I.S.E.

 

Per approfondire

Study explores whether horses can sense mental trauma in humans, February 26, 2017

 

Baragli P e Pagliai M., “Cavalli allo specchio. Viaggio nella mente dei cavalli per conoscerli, addestrarli e gestirli in scuderia", Pisa University Press, 2017, pp. 256 (ISBN/EAN 978-886741-6998)

 

Giacomo Rizzolatti et al. Premotor cortex and the recognition of motor actions, Cognitive Brain Research, 1996, Vol.3 n.2, pag. 131-141

 

Hunterb E.A, Mendlc M.T, Lawrencea A.B, “The spontaneous qualitative assessment of behavioural expressions in pigs: first explorations of a novel methodology for integrative animal welfare measurement”, Appl. Anim. Behaviour Sci., Vol. 67, Issue 3, (3 April 2000), Pages 193-215

 

Merkies K. (University of Guelph), “Can horses distinguish between neurotypical and mentally traumatized humans?” Final report – Horses and Humans Research Foundation , 06.03. 2017

 

Pellegrino G, Fadiga L, Fogassi L, Gallese V, Rizzolatti G. “Understanding motor events: a neurophysiological study”, Exp. Brain Res., 1992, Vol. 91, pp. 176-180,

 

Smith AV; Proops L; Grounds K; Wathan J; McComb K; Functionally relevant responses to human facial expressions of emotion in the domestic horse (Equus caballus)”, 2016, Biol. Lett. 12: 20150907, pp. 4,

 

Tralli M; Stanzani F; Giovagnoli G; Cerino S; Bacci ML; “Donkey emotional expression: preliminary study about empathy giving origin to emotional relationship with able and disabled children”, In: Book of Abstracts of the 60th Annual Meeting of the European Association for the Animal Production. Barcellona 24-27 August 2009. Wageningen Pers, 2009, pag.431

 

 

foto ©Giulia Maran - “Uno sguardo al nostro futuro” - Argento al Premio HorsEmotions FISE - Categoria Junior Cinefotografico 2016

Media Partner Cavallo Magazine  Equestrian Time
Supporter
Charity Terzo Pilastro

Supplier Gold Span My Horse Logo BATTISTONI