Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Main
Official

Una settimana a cavallo nel cuore dell’estate, dal 25 al 29 luglio, in una delle aree protette più belle d’Italia, il Parco nazionale della Sila: un territorio meraviglioso, tutto da scoprire, da portare finalmente all’attenzione generale degli appassionati delle attività equestri e non solo.
E’ questa l’idea alla base dell’iniziativa proposta da Roberto Cardona, presidente del Comitato regionale Calabria della FISE. Il progetto prevede appunto la realizzazione di un evento a carattere nazionale dedicato al turismo equestre, alla scoperta di una zona paesaggisticamente assai rilevante, attraverso il mezzo di locomozione più antico, il cavallo, nell’ottica di interessare un maggiore bacino di utenza e di coinvolgere gli operatori locali attraverso la conoscenza e la fruizione dei beni della Sila.
Una prima analisi del territorio ha consentito di individuare dei long trekking di circa 30 chilometri ciascuno, selezionati fra le più belle aree dell’altopiano silano, in particolare nella zona della Sila Grande e della Sila Piccola.
Il Parco nazionale si estende per circa 74.000 ettari e comprende 21 comuni e tre province, suddivise in altrettante macro aree: la Sila Grande, la Sila Piccola e la Sila Greca.
Già famosa nell’antichità per i suoi rigogliosi boschi che si alternano con grande varietà, la Sila è caratterizzata dalla presenza di altopiani e di tre laghi che, incastonati nel suo paesaggio, la arricchiscono di straordinari scenari paesaggistici.
Il cavallo, ancora oggi utilizzato per il trasporto dei tronchi a valle, fa parte da secoli della cultura locale e diverse, anche se non ancora strutturate, sono le realtà di promozione del turismo equestre.
Determinati i sentieri più idonei, il progetto comporta l’individuazione delle location in grado di ospitare un numero di partecipanti che si stimano essere fra le duecento e le trecento unità, nonché la promozione di opportune azioni di marketing sia a carattere locale che nazionale.
Il progetto, che verrà presentato ufficialmente al BIT 2012 di Milano, la Borsa internazionale del turismo in programma in questo fine settimana, è finalizzato al raggiungimento dei seguenti obiettivi: avvicinare gli appassionati alla FISE Calabria che sempre più si impegna nel promuovere attività di turismo equestre; attrarre la domanda di turismo equestre nazionale; potenziare l’attrattiva turistica verso il territorio calabrese; incrementare l’interesse e i servizi che ruotano attorno al turismo equestre nel Parco nazionale della Sila; valorizzare la mobilità lenta a cavallo; incentivare gli operatori turistici ed in particolare quelli legati al turismo equestre; promuovere strategie locali in collaborazione con le province di Cosenza, Catanzaro e Crotone, l’Ente Parco nazionale della Sila e la Regione Calabria.
(info: www.equiradunonazionale.fisecalabria.it)

Supporter

Charity

Supplier