Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Main
Official RideUp RideUp

Arezzopanok

 

Prova maiuscola delle amazzoni e dei cavalieri italiani impegnati lo scorso fine settimana all’Arezzo Equestrian Centre dove si è svolta la seconda edizione dell’Arezzo Ride con al via concorrenti in gara per Argentina, Brasile, Francia, India, Paesi Bassi, Svizzera e ovviamente Italia.

 

Ben otto delle dodici categorie della competizione internazionale organizzata da Generali Endurance Asd e disputate sabato 24 e domenica 25 aprile, hanno infatti visto la vittoria di binomi  italiani.

Nella prova più impegnativa, il CEI3* di 160 km., su tutti si è imposto Lorenzo Piccolo con Saroual de l'Aigoual che ha tagliato per primo il traguardo alla media di 17,870 km/h., mentre nel CEI3* (93+93 km) al primo posto si è classificato Carmine Calvanese che in sella ad Aj Lafi ha chiuso le due giornate di gara con 15,315 km/h di media.

A segno sono andate anche quattro giovani amazzoni azzurre.
Doppietta di Elena Daveri nel CEIYJ1* di 100 km. di sabato e nel CEIYJ2* di 120 km. di domenica rispettivamente con Nerjes Al Shaqab (18,454 km/h) e Sultana (16,401 km/h), e vittoria di Caterina Borsi con Ares by Spirit (17,540 km/h) nella stessa categoria da 120 km. riservata agli junior e agli young riders disputata però sabato.

Ed ancora successo di Costanza Laliscia nel CEI1* di 100 km. di domenica montando Emirat du Barthas (19,811 km/h) e di Martina Carotenuto nel CEIYJ1* di 100 km. di domenica con L&M Messy (17,128 km/h). A loro si è aggiunto anche Nicolo Lepore primo nella CEI1* di 100 km. di sabato con Ribelle Pattadesu (19,527 km/h).

 

Vittorie per Francia, Argentina e Svizzera, invece, nei CEI2* di 120 km. di sabato e domenica, nel CEI2* Ladies di 120 km. e nel CEI2* su due giornate (73+73 km). Ad imporsi sono stati rispettivamente i transalpini Jacques Archen (Sultan de Pers / 19,486 km/h) e Julia Montagne (Panda Pagadi /19,397 km/h), l’argentina Camila Rodriguez (Kimono dell’Orsetta / 21,067 km/h). e la rossocrociata Melania Vanina (Ninau / 19,331 km/h).

 

Clicca QUI per le classifiche di domenica 25 aprile e QUI per quelle di sabato 24 aprile.

Media Partner Cavallo Magazine  Equestrian Time
Supporter
Charity Terzo Pilastro

Supplier Gold Span My Horse Logo BATTISTONI