Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Main
Official    RideUp

Completo: imminente Eventing Risk Management SeminarIl mondo intorno al tavolo per la sicurezza nel concorso completo. Il meeting FEI sarà ospitato presso la sede della FISE

Il palazzo di vetro di viale Tiziano (Roma), sede della Federazione Italiana Sport Equestri, ospiterà, nei giorni 26 e 27 gennaio, l’ormai consolidato meeting internazionale “Eventing Risk Management Seminar”. Un appuntamento voluto dalla FEI anni fa per far fronte agli incidenti occorsi a cavalli e cavalieri durante le gare di concorso completo, per reperire valide azioni di prevenzione. Si tratta di un momento di confronto che accoglie ogni anno un numero sempre maggiore di nazioni globali più tradizionalmente votate alla disciplina. Il rappresentante del Risk Management per l’Italia è il Tenente Colonnello Giacomo Della Chiesa.

“Si tratta di un motore fondamentale per la diffusione della cultura di gestione del rischio”, spiega Della Chiesa. “Ogni nazione porta sul tavolo i risultati del suo monitoraggio per analizzare le problematiche che ostacolano il benessere equino nel momento agonistico. Lo scopo – prosegue - è principalmente quello di adeguare tutte le mentalità internazionali alla necessaria attenzione verso la sicurezza e verso la responsabilizzazione di cavalieri, tecnici, costruttori di percorso e via dicendo. Per fare un esempio che vada oltre la semplice soluzione pratica (come l’abolizione di una tipologia di ostacolo fisso o le linee guida sulla costruzione di percorso) negli anni passati, è stata evidenziata l’importanza dell’atteggiamento del cavaliere durante gli avvicinamenti, sottolineando il fatto che la giusta armonia garantisce più collaborazione da parte del cavallo e una maggiore sicurezza nell’affrontare il percorso. E in tal senso, per assicurare il regolare andamento del cross, basato, appunto, sulla buona equitazione, è stata introdotta la carta di avvertimento, gialla o rossa a seconda della gravità, che può arrivare a fermare il cavaliere durante il percorso di cross”.

“Al seminario della prossima settimana – conclude Della Chiesa - interverrà anche Mauro Checcoli (campione olimpico, individuale e a squadre, nel 1964, a Tokyo; e Presidente FISE dal 1988 al 1996), che illustrerà l’importanza del metodo di equitazione naturale, punto di forza del suo successo e frutto degli insegnamenti del noto tecnico italiano Marchese Fabio Mangilli”.

 

Supporter   

Charity Terzo Pilastro

Supplier Gold Span