Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Main
Official

weg testatina

FISE CavalleriaCon tre medaglie d’oro i FEI World Equestrian Games statunitensi entrano nella storia dell’equitazione italiana

 

Con le tre medaglie d’oro conquistate dagli azzurri l’edizione 2018 dei FEI World Equestrian Games™ Tryon 2018 resterà nella storia degli sport equestri italiani. Mai prima d’ora, infatti, l’Italia aveva ottenuto tanti titoli iridati nella storia dell’equitazione nazionale ai WEG dal 1990, anno della loro nascita.

 

L'Italia, dunque, chiude il medagliere di questa edizione al quinto posto, sulle 71 nazioni presenti, dietro a Germania, Olanda, Gran Bretagna e Stati Uniti, ma davanti a Paesi come Belgio, Francia, Irlanda o Svizzera. 

 

Sara Morganti insieme a Royal Delight hanno regalato emozioni salendo sul primo gradino del podio nella prova individuale tecnica e nel Freestyle del Paradressage. L’amazzone azzurra che a Caen 2014 aveva messo al collo un oro e un argento, è tornata e ha dettato legge anche negli Stati Uniti. Dopo la bellissima prova di mercoledì scorso che è valsa la medaglia d’oro e la sensazionale percentuale nel Team Test che ha superato di gran lunga il 75% (anche se in questa occasione non sono stati assegnati titoli individuali), l’amazzone toscana è salita nuovamente sul podio ieri mettendo al collo una fantastica medaglia d’oro anche nel Freestyle con uno score da brivido: 78,871. Meglio di così sarebbe stato impossibile.

 

Un’edizione che resta nella storia anche per il titolo di Campioni del Mondo conquistato nel Volteggio da Silvia Stopazzini e Lorenzo Lupacchini su Rosenstolz e con Laura Carnabuci alla longia nel Pas de deux. Una prova da brivido la loro, seguita da tutto il Team Italia nella serata di giovedì 20 settembre. La coppia già Campione d’Europa, che aveva chiuso al secondo posto nella gara di apertura, con un punteggio di 9.027 ha battuto i diretti avversari austriaci che non sono andati oltre il 9.013. Un successo che arrivava proprio mentre il 1° aviere Lorenzo De Luca prendeva la vetta della classifica individuale provvisoria del Campionato del Mondo di Salto ostacoli, chiuso poi al settimo posto nella top ten. 

 

“Se i FEI World Equestrian Games™ di Tryon sono entrati nella storia degli sport equestri – ha detto Marco Di Paola, Presidente della Federazione Italiana Sport Equestri - il merito è sicuramente dei nostri atleti, che con immensi sacrifici hanno portato in Italia le tre medaglie d’oro. Un Mondiale, quello americano, che ci ha regalato immense emozioni. Alti e bassi che fanno parte dello sport… e mi riferisco agli infortuni di Chalou e Anna Cavallaro, che per fortuna sono già in grande recupero, ma soprattutto alla gioia di ascoltare l’inno di Mameli e vedere al collo dei nostri atleti le medaglie d’oro conquistate da Sara Morganti e dal Pas de deux azzurro. Un grande grazie anche agli atleti di tutte le altre discipline che si sono impegnati al massimo in questa edizione statunitense. La Federazione non ha fatto altro che assistere i propri Campioni e dovrà fare tesoro dell’esperienza di Tryon per migliorare sempre più. Questo mondiale – ha aggiunto il Presidente FISE - ha tenuto a battesimo una grande partnership con Cavalleria Toscana, che ha accompagnato l’Italia negli Stati Uniti vestendo il Team Italia e tutta la delegazione azzurra. La nostra nazione ha sfoggiato negli USA la tradizionale eleganza italiana. Sono molto soddisfatto di questo accordo e felice che Cavalleria Toscana abbia scelto la Federazione per un nuovo percorso che ci vedrà insieme protagonisti. Un ringraziamento deve essere rivolto anche a Kep Italia, Parlanti, Safe Riding e Scuderia 1918, che ci hanno sostenuto in questa trasferta mondiale. Non poteva esserci migliore inizio per il nostro cammino comune, che ci vedrà lavorare fianco a fianco fino al 2020”, ha concluso il Presidente federale.  

 

Parole di grande soddisfazione anche da parte di Jonathan Sitzia, co-fondatore insieme ad Alessandro Ambrosino di Cavalleria Toscana. “Una grande emozione ed un grande orgoglio per Cavalleria Toscana – ha detto Sitzia - accompagnare il Team Italia in questo grande evento. Un mondiale che ci resterà nel cuore. La squadra si è distinta per i risultati e per l’eleganza. Da domani riprenderemo a lavorare con la Federazione e con gli atleti guardando già Tokyo”.

 

(Nella foto © Stefano Grasso/CTxFISE: da sx Alessandro Ambrosino, Jonathan Sitzia, Marco Di Paola)