Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

testata para

Semperboni Carola Paul Tokyo (Giappone) - Poco dopo l’ingresso in rettangolo di Sara Morganti nell’Individual test del Grado I è stata la volta di Carola Semperboni. In sella a Paul, la più giovane amazzone dell’Italia team di Paradressage (18 anni a maggio) ha messo a segno una percentuale del 67,678 valida per il dodicesimo posto della classifica finale dell’Individual test. L'amazzone italiana purtroppo non ottiene la qualifica per il Freestyle di lunedì prossimo.    

 

“Forse avrei potuto fare meglio – ha esordito Carola in zona mista – ma alla fine sono contenta. Paul è stato fantastico e se abbiamo sbagliato qualcosa l’abbiamo sbagliata insieme”. Ma per la giovanissima piemontese (18 anni lo scorso maggio) quella alle Paralimpiadi è stata un’esperienza indimenticabile. “Partecipare a Tokyo 2020 è incredibile. Al di là delle gare tutto quello che vi ruota attorno ha del fantastico. L’atmosfera al villaggio paralimpico, la condivisione con gli altri atleti. Credo sia un’esperienza di vita che abbiamo avuto la fortuna di vivere e che sarà impossibile da dimenticare”.

 

“Carola – ha commentato il Ct della nazionale Ferdinando Acerbi - deve essere assolutamente contenta della sua prestazione. Non è scontato uscire dal rettangolo Paralimpico con una percentuale di oltre il 67%. Tra l’altro non possiamo dimenticare che questi ragazzi hanno effettuato una preparazione anomala in vista dei Giochi. Con la pandemia, infatti, non hanno avuto la possibilità di partecipare a competizioni internazionali praticamente per un anno intero”.

 

(Nella foto © FISE/Stefano Grasso: Carola Semperboni su Paul)