Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Main
Official equitatus new

Truppa chablis2 jonstroudmediaL’amazzone italiana ha concluso al 52° posto

 

RIO DE JANEIRO (BRASILE) (ITALPRESS) - Concluso oggi, giovedì 11 agosto, all'Olympic Equestrian Centre di Deodoro, il Grand Prix prova d’apertura del Dressage ai XXI Giochi Olimpici di Rio del Janeiro in Brasile. In gara, unica portacolori italiana, anche Valentina Truppa che in sella a Chablis (Prop. A.S.D. Centro Equestre Monferrato) aveva ottenuto ieri nella prima parte della competizione olimpica la percentuale del 65.971 che vale al termine della prova la 52^ posizione della classifica.

 

Con questa prestazione l’azzurra e il 19enne Chablis non sono però riusciti a guadagnare l’accesso al Grand Prix Special che - oltre ad essere valevole come secondo ‘individual test’ - assegnerà le medaglie a squadre. Domani rivedremo in rettangolo, quindi, i componenti dei sei team meglio classificati più gli otto migliori binomi a titolo individuale. 

 

Valentina Truppa chiude comunque la sua seconda Olimpiade dopo Londra 2012 a testa alta. Un’Olimpiade messa a rischio anche da un, fortunatamente, lieve infortunio del suo cavallo proprio alla vigilia dell’inizio delle gare.

 

Con onore è uscito dal rettangolo di Deodoro anche Chablis, cavallo sotto la sella della 30enne amazzone italiana da quindici anni, che con Rio 2016 ha suggellato una grande carriera. Valentina Truppa e ‘il biondo’ (questo il nick-name di Chablis), insieme hanno infatti vinto tanto, compresi due titoli mondiali Young Rider, due medaglie d’oro individuali e una di bronzo a squadre ai Campionati Europei Young Riders. E questo senza contare i titoli italiani e le molte altre vittorie e piazzamenti in ambito internazionale.

 

In testa nella classifica per team dopo il Grand Prix si trova ancora la Germania (81.295%), seguita dalla Gran Bretagna (79,252%) e da Stati Uniti (76,971%). La miglior performance individuale è stata invece quella della britannica Charlotte Dujardin, che  in sella a Valegro, balza in testa con l’ottima percentuale del 85,071%). Il Grand Prix Special di domani assegnerà quindi le medaglie a squadre, mentre lunedì 15 sarà la volta della Kur. La spettacolare prova con musica riservata ai migliori 18 binomi della classifica decreterà il nuovo Campione Olimpico della disciplina del Dressage.

 

(Nella foto © Jon Stroud Media: Valentina Truppa su Chablis)

 

Classifica  

Supporter

Charity

Supplier winner it