Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/veneto/Campagna/medium/day_1_321.jpg
News

ENTRIAMO NEL MONDO DELLA CAMPAGNA E PROVIAMO A CONOSCERLO

di Cav. Luigi Conforti   o.m.r.i.

Da quando monto a cavallo ho sempre avuto una impressione, un'idea, qualcosa che mi suggerisce, che questo animale è presente nel Creato per un preciso volere Divino.
Il cavallo, lo dico sempre anche agli amici che frequento nel nostro mondo, sembra fatto appositamente ed espressamente per espletare il lavoro che fa, unitamente all'uomo.
Mi spiego meglio, la sua conformazione fisica, questa grande testa, il collo possente, l'insellatura del dorso, la folta criniera naturale appiglio per un uomo che sale a cavalcioni della comoda, accogliere e naturale seduta della groppa.
Ed è per questo che credo, che qualcuno lassù, il giorno che ha creato la terra ed i suoi animali, abbia pensato di regalarne uno particolare all'uomo, il cavallo, una sorta  di  comunione, di unione, da  usare per attraversare, solcare, scoprire le grandi  terre di questo mondo, non per niente nella mitologia è presente il centauro, l'uomo cavallo.
Vivere con esso quel contatto diretto, che con il tempo ti porta a relazionarti direttamente, proiezione del tuo corpo, acceleratore delle tue sensazioni, in groppa ad esso ti ritrovi più forte, sicuro, potente, veloce, dall'alto del suo corpo il tuo sguardo scorge l'orizzonte ed accorcia il tempo e lo spazio.
Penserete a parole esagerate ed invece no, si deve provare, pensare e riflettere alle emozioni che questo animale ti lascia dentro e solo dopo è possibile dare un parere franco, che sia comunque dettato dalla sincerità e non dalla paura.
Andiamo quindi a sviscerare, a capire quel gioco, quella ricetta, che ci può portare ad avvicinare un cavallo.
Dobbiamo trovare in noi curiosità, voglia di conoscenza, un pizzico di sana incoscienza, amore per tutto ciò che in natura ci circonda ed infine voglia di evadere dal mondo tecnologico che ci opprime.

Curiosità, perché ci avviciniamo ad un animale che fondamentalmente conosciamo pochissimo o solo attraverso delle immagini, ma che con se porta una storia ed un universo immenso.

Voglia di conoscenza,conoscenza dell'arte del cavalcare, del rapporto con il cavallo, della sintonia che l'uomo può raggiungere con questo animale, semplicemente attraverso delle contrazioni muscolari.

Un pizzico di incoscienza, poiché come ho detto prima, per avvicinare questo animale dobbiamo allontanare da noi la paura, la quale è apportatore di tensioni, di contrazioni, che il cavallo legge immediatamente e che all'inizio del rapporto possono essere foriere di incomprensioni.

Infine, amore per la natura, perché il cavallo potrà fare da tramite ed introdurci in quel mondo, vero naturale, che senza rendercene conto stiamo dimenticando, quel mondo che la tecnologia ci sta sottilmente rubando, rendendoci suoi prigionieri.

Poche lezioni con un buon maestro, un po' di buona volontà, un generoso animale ed ecco che possiamo iniziare a fare la nostra prima passeggiata.
Al passo, senza fretta guardandoci intorno, con il nostro cavallo possiamo andare alla ricerca della campagna, la nostra campagna, che a volte da anni non si vedeva più, che a volte ci accorgiamo di aver dimenticato.
Avete mai aperto un' album di vecchie foto? Vi ricordate quella sottile gioia che ci pervade nel rivederci più giovani, nel riconoscere un attimo, un momento che ci riporta a tempi passati, magari alla nostra gioventù.
Questo spesso è l'effetto che fa il passeggiare a cavallo nei campi, sulle colline, risentire vecchi odori, rivedere colori veri, di primavera, di estate di autunno, fiori di campo, uomini al lavoro tra i tralci delle viti, la campagna che lentamente si modifica nel suo stesso paesaggio.
Avere di fianco un compagno di viaggio, che probabilmente non avete mai visto prima e con il quale condividere questi momenti, il giorno dopo o la settimana dopo lo ritroverete e vi accorgete che non è più uno sconosciuto, ma un amico.
Vi renderete conto che con lui non parlate di lavoro, di crisi, di banche, di odiosi colleghi d'ufficio, ma improvvisamente il vostro linguaggio verterà sul mondo dei cavalli, del loro carattere, della sella migliore per questa o quella occasione, di questa meravigliosa giornata di sole da vivere all'aria aperta.
Questi, sono i gravissimi sintomi, che vi condurranno alla malattia, malattia che in poco tempo vi legherà al meraviglioso universo del cavallo e dalla quale difficilmente guarirete.
Passerà poco tempo e sentirete il bisogno di allontanarvi con il vostro animale per più giorni e quindi con la compagnia che nel frattempo vi sarete fatti, partirete tutti insieme, voi ed i cavalli, per mete più lontane, per terre nuove, per nuove conoscenze.
Vi aspettano giorni in mezzo ai boschi, vi aspettano strade di montagna dove non circolano i mezzi meccanici, vi aspettano tappe in spazi erbosi dove, mentre il cavallo bruca quell'erba dolcissima di quota, voi mangiate quel panino con la mortadella del quale avevate perso ogni ricordo e magari in autunno la guida vi accende un fuoco e vi cucina il pastin o la bistecca al sasso.
Questi sono i trekking, giornate passate in piacevole compagnia in luoghi incantati.
Non permettete che tutto ciò vi sfugga e se mai vi è passata per la testa    l'idea di avvicinare il cavallo, non fatevi sfuggire queste occasioni, non è difficile, a volte basta per iniziare solo un po' di curiosità.