Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Main
Official

FISE: l’Umbria premia i suoi campioni

L’Umbria del cavallo si è ritrovata a far festa, tra bilanci (anche assai positivi) e sani propositi di sviluppo. Il galà umbro dell’equitazione si è svolto a Foligno all’ombra dei quattro cerchi di una casa automobilistica assai vicina allo sport, in particolare quello equestre, quale appunto l’Audi.
Centri ippici, cavalieri, amazzoni, allievi, genitori, istruttori, presidenti dei circoli, personalità istituzionali si sono riuniti per esaltare - come espresso dalle parole del presidente del CONI regionale Valentino Conti – “l'importanza dello sport, della disciplina e dello spirito sportivo sicuramente ampliato dalla vicinanza e dalla sinergia con il cavallo”.
Molto apprezzato il saluto telefonico del presidente della FISE Andrea Paulgross, che ha sottolineato l'importanza delle giovani leve umbre che si sono ben distinte nei campi gara nazionali ed internazionali nelle diverse discipline. “Un ringraziamento a tutti gli atleti - ha detto tra l’altro Paulgross - e anche ai genitori per un sostegno che aiuta in modo sostanziale lo sviluppo dell'equitazione italiana”.
L’importanza dell’equitazione è stata evidenziata dal presidente del Comitato regionale paraolimpico Francesco Emanuele. Un saluto ovviamente assai caloroso è venuto poi dal presidente del Comitato regionale FISE Umbria, Mirella Bianconi, che ha ripercorso le tappe di un 2011 addirittura storico per l'equitazione umbra.
Poi il via alle premiazioni: a 70 giovanissimi atleti, ai due partecipanti umbri al Mondiale endurance di Abu Dhabi, Carolina Tavassoli Asli e Matteo Bravi, al plurimedagliato ai Mondiali di monta da lavoro Fabio Fontetrosciani, a Matilde Faverio, non solo per la medaglia d'argento vinta dalla squadra umbra a Verona nel salto ostacoli, ma anche per la messe di titoli raccolti nei pony.

Supporter

Charity

Supplier